Parigi • Prima di partire

Mancano ormai pochi giorni alla mia prossima avventura – Parigi! – e come potete immaginare sono in piena fase studio/organizzazione del viaggio. Della frenesia che mi travolge in questi momenti ve ne ho già parlato qui, quindi non vi tedierò nuovamente con racconti sulla mia psicosi.
Andrò invece subito al punto, condividendo con voi quelle che credo possano essere informazioni utili a chi, come me, sta cercando di organizzare un viaggio a Parigi.

Partiamo dunque dai fondamentali: dove alloggiare / come spostarsi in città / cosa vedere

Oppure potete saltare direttamente alla sezione Guide & Link.

Bon Voyage!

organizzare un viaggio a parigi
Organizzare un viaggio a parigi

Dove alloggiare?

Parigi è divisa in 20 arrondissements. La scelta dell’arrondissement in cui alloggiare potrebbe sembrare scontata, ma per me non lo è stata.

E dire che non chiedevo troppo. Tutto ciò che cercavo era una soluzione relativamente economica, sufficientemente pulita e tranquilla, ben collegata con i mezzi pubblici e con qualche punto d’interesse raggiungibile a piedi. Semplice, no?!

Organizzare un viaggio a Parigi: la mappa degli arrondissements [©ParisMap360°]

Inizialmente ho cercato alloggi nel 1° (Louvre) e nel 4° (Notre Dame) distretto della città. Trattandosi della zona più centrale di Parigi – quella in cui si concentrano molti musei, monumenti e attrazioni turistiche – mi sono però scontrata con un problema: il prezzo degli hotel! Prima di iniziare la ricerca mi ero ovviamente prefissata un budget da non superare (80€ max a notte inclusa la colazione). Soggiornare in quell’area era decisamente fuori budget. Stesso problema per il 7° arrondissement  (Musee d’Orsay – Tour Eiffel) e per le zone limitrofe all’Ile de la Cité.

A quel punto ho chiesto qualche consiglio ad amici che erano stati più o meno recentemente a Parigi. Mi hanno offerto diversi suggerimenti: il quartiere latino (5° e 6° arrondissements), Montmartre (18° arr.) e Montparnasse (14° arr.).

Mi sarebbe piaciuto stare a Montmartre ma, oltre ad essere molto turistico, avevo letto diversi articoli che mettevano in guardia su alcune aree del quartiere, soprattutto di sera. Soprattutto per donne in viaggio da sole. Peccato, perché un mio collega mi aveva consigliato l’Hotel Audran e dalle foto e recensioni non sembrava male.

Nel 14° distretto, due amiche mi hanno consigliato il Solar Hotel che m’ispirava anche per il suo essere una struttura a basso impatto ambientale.  Tra l’altro è posizionato a soli 2 minuti (a piedi) da Les Catacombes de Paris, una delle attrazioni parigine che ho sempre sperato di poter visitare prima o poi! Chissà se questa volta sarà quella buona.

L’accendiamo?

Alla fine, cercando in zona, sono però riuscita a trovare un albergo un po’ più economico [65€ a notte con colazione] e mi sono finalmente decisa a prenotare. Si tratta del Belambra Hôtel “Magendie” ed è posizionato ufficialmente nel 13° arrondissement. Essendo quasi al confine con il quartiere latino è in realtà anche piuttosto vicino alla zona centrale di Parigi. Per farvi un esempio pratico, se mi mettessi in testa di camminare fino alla Cathédrale Notre-Dame, in una mezz’oretta sarei lì.

Vi farò ovviamente sapere se la mia scelta sia stata azzeccata o meno!

E voi quale arrondissement avreste/avete scelto?
Se siete ancora lontani dal decidere cosa fa per voi, date un’occhiata anche a questo simpatico articolo di ParigiGrossoModo.com.

 


Come spostarsi in città?

organizzare un viaggio a parigi
Organizzare un viaggio a Parigi: come spostarsi in città

Organizzare un viaggio a Parigi significa doversi preoccupare di diverse cose: trovare l’hotel giusto, capire come ottimizzare il tempo al meglio per vedere il più possibile, mettere stelline su google maps in tutte le boulangeries della città ma, soprattutto, calcolare quanti km giornalieri sarà necessario percorre a piedi per smaltire tutte le baguettes, brioches e viennoiseries che si mangeranno.

Di una cosa però non ci si dovrà preoccupare più di tanto, ovvero di come muoversi in città. Parigi infatti – con le sue 15 linee di metropolitana, le sue 5 linee RER (treni) e i suoi frequenti autubus – è un paradiso per chi si deve o vuole affidare ai mezzi pubblici.

Biglietti multipli e carte trasporti

Per chi si ferma in città da 1 a 6 giorni ci sono diverse alternative tra cui scegliere per risparmiare sul costo del singolo biglietto:

  • il Mobilis è un biglietto giornaliero che permette viaggi illimitati all’interno di diverse zone tariffarie di Parigi: ad esempio nella zona 1 a 3 – comprende tutti i 20 distretti ma non è valida per il tragitto aeroporto/città – costa € 10. Per maggiori informazioni vi rimando qui;
  • il carnet di 10 biglietti costa € 14,90;
  • l’abbonamento settimanale permette viaggi illimitati dal lunedì alla domenica in tutta l’Ile de France. Costa € 22,80 ma fate attenzione: è acquistabile fino al giovedì incluso, poi non lo potete più comprare per la settimana in corso;
  • il Paris Visite è disponibile per 1, 2, 3 o 5 giorni consecutivi ed è valido, a seconda dell’abbonamento scelto, per zone 1 a 3 o per zone 1 a 5 (spostamenti a Parigi, periferia e aeroporti Orly e CDG, Versailles e Disneyland). I prezzi per adulto variano da € 12 a € 65,80. Ci sono diverse riduzioni sia per i bambini che per i giovani con meno di 26 anni. Per maggiori informazioni potete dare un’occhiata qui. Tenete solo presente che con il Visit Passe sono incluse nel prezzo anche diverse riduzioni per tante attrazioni parigine. Potete scaricare la brochure con tutte le indicazioni anche da qui!

Tutte queste opzioni sono acquistabili direttamente dalle macchinette automatiche delle stazioni ferroviarie e della metropolitana (pagamento con carta di credito o monete). In alternativa, potete ordinarli online facendoveli spedire a casa o all’hotel in cui soggiornerete. Per scoprire come, andate sul sito Parigi.it ed entrate nella sezione “Biglietti e Pass Online”

Io credo opterò per il Paris Visite valido 3 giorni (zona 1 a 3) a cui dovrò aggiungere il biglietto a/r CDG-Parigi che non è compreso.

 


Cosa vedere?

In un viaggio a Parigi, più che chiedersi cosa vedere c’è da domandarsi come riuscire a vedere tutto quello che di bello e interessante c’è in città. Se ci si ferma nella capitale francese per pochi giorni, l’unica cosa da fare è mettersi l’anima in pace e accettare il fatto che sarà impossibile vedere tutto quanto.

Questa per me sarà la seconda volta a Parigi. La prima è stata ormai 15 anni fa quando ci passai circa una settimana in gita scolastica. In quell’occasione feci alcune delle tappe ‘irrinunciabili’ di Parigi: Louvre, Tour Eiffel, Notre Dame, Musèe d’Orsay, Centre Pompidour e il Palais Royale.

organizzare un viaggio a perigi
Organizzare un viaggio a Parigi: cosa vedere

Questa volta, meteo permettendo, vorrei soprattutto entrare nel vivo dei vari quartieri passeggiando per le vie centrali e per quelle laterali, più nascoste e più vere. Voglio perdermi e scoprire posti di cui non ho letto su nessuna guida. Ci riuscirò? Speriamo di sì!

Detto questo, non rinuncerò a fare qualche tappa culturale in alcuni musei della città. Ho già prenotato il biglietto combinato per l’ingresso al Musèe d’Orsay e all’Orangerie [costo biglietto adulto € 18]. Il primo l’ho già visitato, lo so, ma l’ho trovato davvero bellissimo la prima volta e avevo proprio voglia di ritornarci. Il secondo sarà invece tutto da scoprire. Un altro museo che mi piacerebbe visitare è il Petit Palais che tra l’altro è ad accesso gratuito. Qualche settimana fa, al riguardo, ho letto questo articolo sul sito Artrip e mi ha incuriosito molto. Se, come spero, riuscirò ad andarci vi racconterò le mie impressioni.

Card musei
organizzare un viaggio a parigi
Paris Museum Pass

Se andate a Parigi con l’intenzione di visitare quanti più musei e attrazioni possibili, potreste considerare l’idea di acquistare la Paris Museum Pass. Si tratta di un abbonamento che consente,  nei giorni di validità del pass, l’accesso in più di 60 musei e monumenti di Parigi e della regione parigina. Il Pass costa dai € 48 ai € 74 a seconda che si scelga l’opzione 2, 4 o 6 giorni. Non include però l’accesso alle seguenti attrazioni: Tour Eiffel, Museo delle cere Grévin, Espace Dalì, Catacombe, Museo del cioccolato, Fontane e giardini musicali di Versailles.
Se volete avere maggiori informazioni potete andare qui

Potrebbe interessarvi sapere che la prima domenica del mese molti musei permettono l’accesso gratuito. Per ulteriori informazioni, fate clic qui!

Prima di acquistarlo però fate bene i conti perché non è sempre conveniente. Tenete presente che se avete già acquistato la Paris Visite avete già anche a disposizione degli sconti per molti punti d’interesse parigini.

Potete eventualmente anche scegliere di combinare Paris Visite e Paris Museum Pass acquistando la Paris Passlib che, nell’opzione 2 – 3 o 5 giorni, include anche una crociera di un’ora sulla Senna e la possibilità di utilizzare per un giorno il bus turistico in modalità hop on/hop off. Il prezzo va dai € 105 ai € 129. Potete trovare tutte le informazioni su questa pagina.

 


Per scoprire tutto quello che c’è ancora da sapere su Parigi

organizzare un viaggio a parigi
Organizzare un viaggio a Parigi: guide e link utili

Le informazioni che ho condiviso finora con voi sono ovviamente solo un punto di partenza nella più o meno lunga avventura dell’organizzazione di un viaggio a Parigi. Per questo vorrei, prima di salutarvi, lasciarvi qualche altro strumento utile alla buona riuscita del vostro viaggio.

Le guide che ho scelto

Sì, anche questa volta mi sono fatta prendere un po’ la mano e invece di comprare una sola guida di Parigi me ne sono presa tre. Di questa mia piccola fissa, in fondo, ve ne avevo già parlato [→Must have in valigia] quindi non ditemi che ne siete rimasti sorpresi.

Ecco le tre guide a cui mi sono affidata:

  • Parigi Low Cost” di Elena Italiani [ed BUR – costo 12,90] ∼ Questa guida è veramente ben fatta e lo stile dell’autrice la rende anche molto piacevole da leggere. Elena Italiani è una ragazza che inizialmente a Parigi doveva rimanerci solo qualche mese ma che poi ha deciso di non lasciarla più. In questa guida traspare proprio l’affetto che nutre per questa città, nonostante i difetti che può avere, nonostante le differenze con la sua città natale. La consiglio a chi non vuole una guida classica ma è invece alla ricerca di un modo un po’ diverso dal solito di vedere e vivere Parigi. Non è, come il titolo potrebbe far intendere, una guida adatta solo a chi cerca soluzioni low cost! Unico neo, se proprio devo trovarne uno, è il suo non esser recentissima. Ma per informazioni sempre aggiornate potete visitare il sito dell’autrice: ItalianiPocket.com.
  • Parigi” ed National Geographic Traveler [€ 12,95] ∼ Devo ammettere che la collana Traveler della National Geographic mi piace molto e ultimamente acquisto spesso le loro guide. Le trovo piuttosto complete e, oltre alle informazioni base sulla città, le attrazioni e i musei, forniscono anche consigli sugli itinerari da seguire nei vari quartieri. A fine guida viene poi sempre inclusa una sezione con le informazioni pratiche e una lista di consigli per hotel e ristoranti/bar. Le consiglio a chi crede che, oltre ad avere una certa sostanza, una guida debba essere anche bella da sfogliare.
  • 111 luoghi di Parigi che devi proprio scoprire” ed Emons [€ 14,95] ∼ Perché Parigi è piena di luoghi particolari, ricchi di storia e leggende, ed è sempre interessante e divertente poterli scoprire prima su carta e poi dal vivo. La consiglio a chiunque si riconosca nella definizione ‘curioso’.

Quale delle tre finirà nella mia valigia? Ancora non l’ho deciso, ma prometto che ve lo farò sapere 😉

Qualche link utile
  • Dall’aeroporto a Parigi e viceversa → Sempre di Elena Italiani questo utilissimo articolo sul tragitto aeroporto/Parigi e viceversa.
  • Parigi.it → Portale dedicato a chi si reca a Parigi a scopo turistico. Potete trovare itinerari e spunti di viaggio, consigli su come muoversi in città e su come e quali attrazioni turistiche parigine visitare. É inoltre possibile prenotare on-line un’ampia scelta di escursioni, tour, pass salta-fila e visite guidate.
  • Sito ufficiale del turismo in Francia / Pagina dedicata a Parigi ∼ Visitate la sezione ‘Documentazione’ e scaricate le mini guide tematiche messe a disposizione (lingua fr / en). Oppure date un’occhiata alle mappe nella sezione ‘Parigi la notte’ dove potrete trovare utili suggerimenti per passare delle belle serate nella capitale francese.

 


E voi quali risorse avete utilizzato per organizzare il vostro viaggio a Parigi? Avete qualche consiglio da darmi? Scrivetemi!

 

Banner designed by Freepik

6 Comments

  1. Cassandra - Viaggiando A Testa Alta 19 gennaio 2018 at 9:13

    Una guida veramente completa ed utile! Brava, me la salvo per un prossimo viaggio nella capitale francese.

    1. LaraC 19 gennaio 2018 at 22:15

      Ti ringrazio, mi fa piacere sapere che potrebbe tornarti utile in futuro 🙂

  2. Giulia Limbrici 30 gennaio 2018 at 19:54

    Mi segno l’articolo per il mio prossimo viaggio ha Parigi! Ha proprio tutte le informazioni che servono!!

    1. LaraC 1 febbraio 2018 at 22:27

      Grazie, mi fa molto piacere sentirtelo dire 🙂

  3. Paola 6 febbraio 2018 at 15:51

    Sono stata a Parigi tante volte per turismo e per lavoro e ti assicuro che anche Montmartre è un quartiere tranquillo senza rischi eccessivi rispetto ad altre grandi città. Le zone rischiose sono solo i quartieri periferici come St Denis, ma in quelle zone non è piacevole girare neanche di giorno a mio parere. Un altro consiglio che posso darti è di non fare colazione in hotel perché in tutta la Francia, e Parigi ancora di più, trovi bar o pasticcerie che ti offrono un ottimo caffè con deliziosi dolci appena sfornati. Buon viaggio!

    1. LaraC 7 febbraio 2018 at 17:53

      Grazie Paola per avermi raccontato della tua esperienza. La prossima volta allora mi farò meno paranoie e almeno qualche notte a Montmartre me la faccio. Guarda la scelta della colazione in hotel era anche un po’ per risparmiare dato che la colazione all’estero in genere costa 4/5 € se va bene. Devo dire che sono stata anche fortunata perché nell’hotel in cui soggiornavo ogni mattina c’erano croissant e pain au chocolat appena sfornati e buonissimi!!

Dì la tua!