Recensione: Piccolo manuale sull’aspettativa di Paola Bertoni

Premessa: ho ricevuto una copia gratuita dell’ebook in cambio di un’onesta recensione

Chi non vorrebbe concedersi un anno sabbatico per viaggiare ed esplorare il mondo?
Arrivati a un certo punto della propria vita però, dopo aver ottenuto il tanto agognato lavoro a tempo indeterminato, quel sogno di lasciare tutto per 12 mesi sembra quasi una follia e si finisce con l’abbandonarlo.

Paola Bertoni – di Pasta Pizza Scones – con il suo “Piccolo manuale sull’aspettativa di una travel blogger appena tornata” ci spiega perché non c’è bisogno né di abbandonare quel sogno né di abbandonare il proprio posto di lavoro.

Se in Italia sono ancora pochi i casi in cui un lavoratore si avvale del proprio diritto di richiedere l’aspettativa è in parte dovuto anche alle poche informazioni sull’argomento. Spesso si crede che tale diritto spetti solo in limitate e particolari condizioni (ad esempio per gravidanza o per gravi situazioni famigliari) quando invece è possibile avvalersene anche per fare un po’ di quei viaggi che sono rimasti per troppo tempo nel cassetto.

Il manuale di Paola Bertoni
aspettativa dal lavoro per viaggiare
Il manuale di paola Bertoni

Paola, nel suo manuale, racconta appunto cosa comporta fare una scelta di questo tipo. Lei era – ed è tutt’ora – una lavoratrice a tempo indeterminato che ha deciso di prendersi un anno sabbatico per andare a vivere in Inghilterra. Non è sicuramente una decisione da prendere alla leggera in quanto comporta, come possiamo anche verificare dai vari capitoletti di cui è composto il manuale, diversi step e considerazioni. Innanzitutto, bisogna fare chiarezza su cos’è l’aspettativa e quale, fra i diversi tipi previsti dal proprio contratto, sia possibile richiedere per i propri scopi.

I primi tre capitoli riguardano proprio queste tematiche e offrono una buona base su cui andare ad approfondire eventuali sezioni di interesse. Gli aspetti normativi sono infatti trattati in modo chiaro e comprensibile; contrariamente dal linguaggio astruso con cui ci si sarebbe dovuti confrontare se ci fosse semplicemente lanciati alla lettura del proprio contratto. Badate bene, il contratto dovrete comunque leggerlo per verificare cosa effettivamente vi spetta e in che termini. Tuttavia, vedrete che grazie alla spiegazione fornita dal Piccolo manuale sull’aspettativa, tutto vi sembrerà un po’ più facile.

L’ultima parte del libro comprende invece tanti utili consigli su come prepararsi, finanziariamente e mentalmente, a un anno in un paese straniero senza stipendio fisso. Come potete immaginare non è per niente banale come problematica da affrontare. Io, da fissata delle liste e dell’organizzazione, ho apprezzato soprattutto questa seconda parte. La ritengo infatti fondamentale alla buona riuscita del progetto.

La mia opinione

In conclusione, mi sento di consigliare il libro di Paola Bertoni a tutti coloro che hanno sempre accantonato il sogno di prendersi una pausa dalla vita di tutti i giorni con la scusa del contratto a tempo indeterminato. Ma soprattutto a coloro che, già mezzi convinti di lanciarsi in questa avventura, hanno bisogno di informazioni pratiche e comprensibili per concretizzare il loro progetto.

Se siete interessati a leggere il Piccolo manuale sull’aspettativa potete acquistare la vostra copia direttamente su Amazon → cliccate QUI!

Ci avete mai pensato a prendere un’aspettativa dal lavoro per viaggiare? L’avete già fatto? Raccontatemi le vostre storie!

 

7 Comments

  1. Stefania 21 gennaio 2018 at 13:24

    Da leggere assolutamente! Lavorando online sono già avvantaggiata perché non devo dare conto a nessuno nel lavoro

    1. LaraC 21 gennaio 2018 at 14:33

      Sì hai decisamente un grosso vantaggio rispetto a chi ha un datore di lavoro a cui render conto!

  2. Rocio Novarino 21 gennaio 2018 at 21:05

    Scaricato oggi!! Farò sapere a voi e a Paola prima di tutto cosa ne penserò!! Però dalle vostre recensioni, mi sembra di aver fatto piuttosto bene nel scaricarlo!!!

    1. Paola 26 gennaio 2018 at 17:36

      Fammi sapere cosa ne pensi appena finisci di leggerlo 🙂 Mi sento super onorata quando qualcuno mi dice che ha scaricato il mio e-book!!!

  3. Paola 26 gennaio 2018 at 17:35

    Grazie mille per la recensione, spero davvero che questo libro possa aiutare a chiarirsi le idee a chi vuole prendersi un periodo di pausa per viaggiare

    1. LaraC 27 gennaio 2018 at 14:52

      Grazie a te per l’opportunità!
      Sono sicura che aiuterà un sacco di sognatrici 😉

Dì la tua!